Category: Innovazione

La micro SD perfetta per i miei viaggi

micro sim per i viaggi

Viaggio moltissimo anche per lavoro, e in tutti i miei spostamenti devo sempre portare con me qualche documento, che per comodità metto nella mia microSD, sinceramente non la uso solo per quello, ci metto dentro video e musica, oltre che le mie app,insomma ormai è diventata molto importante e sono davvero soddisfatto della scelta che ho fatto. Se non ti fosse chiaro, le microSD sono schede in formato più piccolo rispetto alle SD, e permettono di archiviare fotografie, video, film, le app del tuo cellulare, e in quantità incredibile, così piccole da poter essere trasportate ovunque, un’utilità a portata di tasca.

Potrebbe sembrare un gioco da ragazzi, ma in realtà la scelta di una microSD potrebbe riservare delle grandissime sorprese, in modo particolare se non ne cerchi una da qualche anno, e non basta in realtà conoscere quanta memoria puoi usare o di quanta memoria ti serve, le componenti che al contrario, portano ad una scelta giusta sono altre, anche se ovviamente la capacità di memoria rimane molto importante. Ti offro quindi una serie di spunti, ai quali ti potrai affidare, in modo da selezionare la scheda microSD adatta alle tue esigenze.

Le prime notizie in arrivo riguardano la capacità di memoria, e in maniera del tutto strabiliante, le microSD sono riuscite a passare in pochissimi anni da un minimo di 2GB ad un massimo di 32GB per le versioni base, fino ad arrivare a quelle di ultima generazione che hanno una capacità che arriva a 2 TERA BYTE, incredibile davvero.

Ora arriva la parte che la maggioranza disconosce, ossia, le caratteristiche fondamentali che faranno funzionare nel modo migliore la tua microSD, mi riferisco a LA CLASSE e IL TIPO. Cominciando con la classe, perché si tratta della velocità di lettura e trasferimento dati dalla micro al dispositivo, e questa parte dalla numero 2 fino ad arrivare alla UHS3 che rappresenta la velocità massima di trasferimento in mega byte, quindi una scheda SD della classe 2 avrà una velocità di 2 MEGA BYTE al secondo, quindi non conviene, si tratta di una velocità davvero troppo bassa, soprattutto considerando che i video e le app sono file pesanti.

Cosa ho acquistato?

Infine, io ho scelto in base alla mia necessità non ho badato a spese, anche perché si tratta di prezzi davvero accessibili a tutti, inoltre ti sorprenderai di come cambia la velocità in base alla classe. Molto dipende dal tipo di dispositivo che hai intenzione di utilizzare con la tua microSD, se non hai grandi esigenze ti potrai accontentare di una soluzione da 8 GB, per esempio, per un mp3 potrebbe essere la capienza giusta, ma cerca di puntare alla velocità massima, soprattutto per gli smartphone, perché le app sono pesanti e occupano molto spazio, ancora più capienza e velocità se stai pensando di memorizzarvi tanti video, magari in high definition, in questo caso ti serve una scheda potente, velocità da UHS 1 in su e memoria da minimo 64 GB.


La scelta dell’autoradio perfetta

autoradio perfetta

Se stai pensando di acquistare una nuova autoradio per la tua macchina, sarai sicuramente piacevolmente sorpreso da tutti i modelli presenti sul mercato; oggigiorno infatti trovi autoradio super tecnologiche, che ti permettono di collegare il tuo smartphone, o il tuo mp3, sistema bluetooth oppure di avere un sistema di navigazione gps integrato, insomma dei computer da macchina.
L’acquisto di un’autoradio infatti richiede una conoscenza su alcuni aspetti fondamentali per fare in modo di creare un un ottimo impianto audio all’interno della propria auto, vi sarà sicuramente capitato di entrare nella macchina di qualche vostro amico, rendendovi conto che la qualità della musica all’interno dell’auto varia notevolmente. Fortunatamente, per quanto riguarda questa parte della tecnologia elettronica, potrete trovare tutto quello che mi serve on-line partendo dei siti Web fino ad arrivare ai rivenditori specializzati, che offrono davvero moltissimi modelli.

Potresti quindi, già cominciare a cercare all’interno di zone specializzate per riuscire ad avere l’inizio dell’idea per la tua scelta. Come per tutto il resto delle scelte, anche nel caso della autoradio servono dei parametri che ti possono aiutare a fare la scelta giusta rispetto alle tue esigenze e alle tue necessità, la prima parte della tua scelta riguarda infatti stabilire un prezzo massimo che hai intenzione di spendere per la tua nuova autoradio.

Se compri un’auto nuova molto probabilmente, questo succede in quasi tutte le automobili nuove, troverai un’autoradio già installata, che faccia parte della tua macchina; solitamente, le autoradio già installate sono di buona qualità e ti permettono di ascoltare la musica con una buona potenza. Solitamente, questo tipo di autoradio già installato, si presenta con delle specifiche funzioni dei tasti abbastanza grande, e un display molto semplice da utilizzare, nel caso tu comunque non dovessi trovarti nel migliore dei modi, puoi leggere tutte le informazioni su come utilizzarla al meglio.

La presenza delle autoradio già installate nelle macchine dipende da un accordo che le aziende produttrici di macchine fanno insieme alle aziende che producono autoradio, in modo da incrementare le vendite, e fare in modo di poter vendere due prodotti diversi in uno.Le autoradio già installate sono sistemi molto basilari, anche se la qualità del suono sempre ottima, in ogni caso puoi decidere di scegliere autoradio bluetooth più potenti oppure cambiare le casse all’interno, e optare per dei subwoofers. Se decidi di acquistare un auto con autoradio già installata, e soprattutto se utilizzi la macchina per spostamenti frequenti, probabilmente una delle opzioni che cerchi è il sistema GPS.

Il sistema GPS

Si tratta della perfetta soluzione per che cerca design e tecnologia, a portata di mano, queste autoradio diventano anche dei telefoni, e ti permettono di parlare con chi vuoi all’interno della macchina, senza dover tenere il pericoloso telefonino attaccato all’orecchio.

Si tratta di dispositivi molto utili, soprattutto se utilizzi la macchina per lavoro e necessiti continui cambiamenti, la scelta migliore se non vuoi badare a spese, e cerchi estrema praticità e funzionalità dell’utilizzo.


WhatsApp e la nuova Sim per usarlo senza connetterti!

whatsapp e la nuova sim

Le innovazioni in termini di smartphone sembrano davvero non finire mai, i nostri cellulari sono ormai diventati fedeli compagni che ci permettono di ricevere qualsiasi tipo di informazione, e di comunicare anche gratis con chi vogliamo, quindi abbiamo abbattuto moltissime frontiere grazie alla tecnologia delle app, e se ne inventano sempre di più. Il costo di cellulari palmari oggi è più modesto rispetto che a qualche anno fa, e se hai bisogno di un cellulare nuovo, quasi sicuramente opterai per uno smartphone, che ti consente mille utilizzi diversi, nonché di comunicare gratis con amici, grazie all’utilizzo delle nuove app.

Il nostro cellulare è anche in grado di gestire apparecchi esterni, come di farci comunicare con qualcuno che parla un altra lingua dalla nostra, grazie alle app di traduzione simultanea, e ci stiamo sempre più focalizzando sul loro consolidamento e perfezionamento. Mi fa anche molto piacere poter comunicare che ci sono moltissimi creativi informatici e non, che si sono messi al lavoro in questo mondo, e l’Italia ha molte menti che sono di vero vanto mondiale, anche da questo punto di vista. Le grandi invenzioni dei nostri connazionali, non si fermano mai, il numero di Italiani impegnati nella ricerca di nuove Startups è davvero incredibile, e noi tutti possiamo andarci davvero molto fieri.

Una delle ultime, riguarda l’utilizzo di una sistema di messaggi chiamato WhatsApp che conta svariate milioni di persone al mondo. E fino ad ora, per utilizzarlo devi e server connesso in roaming o in wifi, altrimenti non riesci a connetterti e parlare o messaggiare con chi vuoi. Molte delle app oggi in utilizzo, si avvalgono della necessità di una connessione per funzionare, e questa idea potrebbe cambiare in pochissimo tempo, la struttura e l’utilizzo delle app, per i nostri smartphone. Da ora in poi invece, grazie all’invenzione dell’ingegnere Zanella, sarà possibile acquistare una semplice sia per poter utilizzare la app di WhatsApp, che in poco tempo permetterà agli utenti anche di poter parlare gratis tra di loro.

Tutto questo potrebbe avvenire al costo di pochissimi euro con una Sim, che utilizza il roaming senza connessione, e che permette di utilizzare l’applicazione in più di 100 stati del mondo, si tratta di una vera e propria rivoluzione della comunicazione. Un Sim che permette di connettersi a moltissimi operatori e che permette di condividere con amici o chi vuoi tu, foto e video, istantaneamente senza bisogno di wifi. Non solo saranno possibili anche i messaggi vocali, anche se per la durata di soli dieci secondi, per ora, visto e considerato che si tratta del primo tentativo e funziona, questo progetto risulterà davvero molto avvincente ed è già un vero successo.

Dove la puoi trovare?

La Sim è già allo stadio della commercializzazione, e sicuramente avrà un vasto utilizzo, considerato il bacino di utenti che utilizzano quotidianamente WhatsApp, e quindi questa Sim si prepara anche a soddisfare le caratteristiche economiche, perché apre con un prezzo di mercato incredibilmente competitivo, quindi siamo quasi sicuri che ne sentiremo parlare anche noi sempre di più, e che molto probabilmente in poco tempo diventerà oggetto di uso comune, se non addirittura qualcosa della quale non riusciremo a fare a meno.


Riutilizzo della natura: dalla temperatura della casa più alta

temperatura giusta per la casa

Ci sono moltissime testimonianze storiche, che noi abbiamo il piacere di visitare anche oggi, che sottolinenando l’importanza dell’utilizzo di materiale naturale, anche per la costruzione di abitazioni per esempio, è da questo punto di vista ci sono davvero moltissimi esempi di quanto la terra cruda, come la paglia, siano ottimi materiali di costruzione, molto resistenti, oltre che avere provate proprietà antisismiche, quindi si tratta davvero di provare a fare un passo indietro questa volta, magari con la consapevolezza di una tecnologia avanzata, ma sempre nel rispetto della natura.

I materiali naturali, infatti si prestano molto bene alla trasformazione e al riutilizzo, quindi moltissimo dello spreco creato in realtà, potrebbe servire come materiale, alla costruzione di qualcosa d’altro, e credetemi, ho letto molti libri e visto documentari a riguardo, sono una appassionata e non si finisce davvero mai di imparare, perché tutto questo non te lo insegnano a scuola, a meno che tu non decida di fare qualche corso universitario a riguardo.

I progetti che mi entusiasmano di più sono sicuramente quelli creati unendo anche la tecnologia, in qualche modo, a patto che non faccia del male alla natura, se utilizzata come alleata, poterebbe davvero promuovere progetti incredibili. In realtà, in questo caso specifico, non mi riferisco ad un progetto grande, ma a qualcosa di piccolo, che può aiutare a riscaldare, anche se per ora solo di due gradi, il vostro ambiente, è tutto parte da un idea di uno studente, che facendo la classica vita da universitario squattrinato, che per non continuare ad usare solo la stufa, ha pensato come migliorare la condizione termica del suo appartamento, ideando un aggeggio in terracotta.

Per la sua pubblicità e i suoi finanziamenti, si è rivolto ad un metodo molto contemporaneo di ottenere fondi per un progetto, è tutto avviene online tramite il CROWDFUNDING, una iniziativa che ha permesso al ragazzo di ottenere migliaia di dollari. Oggi, il suo progetto in terracotta, può essere anche riprodotto grazie alle nuove stampanti tridimensionali, per cui il ragazzo ha tutto un buon futuro in avanti, cercando anche probabile te, di aumentare le prestazioni dello strumento riscaldante.

…All’utilizzo della Cannabis come depuratore…

Sembrerebbe un argomento tabù, perché purtroppo la si associa anche alle sue proprietà da stupefacente, ma nella realtà questa pianta ha moltissimo da offrire da un punto di vista edilizio, tessile, manifatturiero e anche da depuratore. Una nuovissima ricerca testimonia le sue proprietà anti fungo e muffa, per cui riuscirebbe a decontaminare le acque, e in questo modo fungerebbe da catalizzatore, i materiali estratti verranno successivamente bruciati.

Il meccanismo è stato principalmente studiato a fondo, per cui si tratta di un ottima alternativa al risanamento delle abitazioni soggette a questo fastidioso è pericoloso problema, che affligge moltissime strutture, è solo che molte volte le muffe sono nascoste e non è possibile vederle, ma si respirano comunque. La parte positivi a del,progetto è anche il prezzo del sistema, per cui si tratta davvero di un ottima alternativa, a bassissimo impatto naturale.